La sindrome dell’eremita…

EnglishItalian

Aura Conte, l'eremitaMolti anni fa ho preso una decisione, cioè quella d’isolarmi e di considerare amici solo una manciata di persone (da 2 a 10).

Oggi mi rendo conto che tale scelta sia stata quella giusta. Lo so quanto sia assurdo che una persona così giovane decida d’isolarsi, vivere nel silenzio, uscire veramente poco nel weekend, pensare solo a scrivere e lavorare backstage.

Tuttavia, l’alternativa sarebbe stata peggiore.

Non so cosa sia capitato in questi anni ma è come se nella società non vi fossero più freni, la mancanza di rispetto nei confronti degli altri è come una moda. Tutti odiano tutti e cercano scuse spesso banali per odiare il prossimo. A quale pro, non si capisce esattamente. Per chi mastica bene l’inglese, suggerisco di cercare il termine: Toxic People.

Aura Conte, l'eremitaOggi in meno di 5 ore mi son trovata a dare consigli a riguardo a 3 persone diverse. Proprio io, l’isolata e silenziosa che mi faccio sempre i cazzi miei.

Quindi, ringrazio i miei amici (quelli veri) che mi contattano per raccontarmi di questa gente che incontrano online e offline, sinceramente senza tali informazioni non saprei molto di cosa accade nel mondo e dei rapporti interpersonali con gli psicopatici.

Aura Conte, l'eremitaNon è vero che isolarsi e pensare solo a se stessi sia negativo. La solitudine è molto spesso la migliore delle amiche, il più fedele dei fidanzati e la più incredibile avventura della vita.

Essere totalmente disinteressati ai drammi, la vita personale/amorosa/lavorativa altrui e certe persone fa bene, ve lo suggerisco.

Quindi ignorate, bloccate, allontanate e segnalate certe persone negative… ma soprattutto non lasciate che vi distruggano la vita, poiché la verità è  che queste persone non ne posseggono una abbastanza soddisfacente da pensare solo a loro stessi.

Cosa posso aggiungere? Stay strong, tanto alla fine moriremo tutti e così tanto male, ossessione e tossicità non saranno serviti a nulla tranne a rovinarsi la vita.

A questo punto meglio fare l’eremita…

*Nota: la tizia nelle foto sono io.